I tre progetti di successo del Carcere di Torino

084303239-04f4f705-9b6a-4e19-9913-088d068760ceIl carcere di Torino in questo periodo ha realizzato alcuni importanti successi, tre locali molto particolari, simboli del bello e del buono made in carcere:

-Freedhome è il primo store di economia carceraria a Torino, in via Milano 2/c, il cui locale è stato ceduto in comodato gratuito dal Comune di Torino al Provveditorato Regionale. Successivamente è stato ristrutturato dalla cooperativa Extraliberi, che ha reso l’ambiente armonico e funzionale al fine di commercializzare moltissimi prodotti dell'economia carceraria nazionale e organizzare incontri culturali sul tema.

-il Bistrot Pausa Cafè di Grugliasco ha creato 35 posti di lavoro, 20 dei quali nelle carceri e offre al pubblico, oltre alla famosa birra prodotta nel Carcere di Saluzzo, anche un’ottima pizza.

-Liberamensa è il ristorante dentro il carcere che aprirà al pubblico il 21 Ottobre. Il ristorante coinvolgerà persone in stato di detenzione, dalla preparazione del cibo al servizio ai tavoli. A pranzo si rivolgerà agli utenti interni, dagli agenti alle persone che nel carcere lavorano quotidianamente, mentre la sera verrà aperto al pubblico, offrendo da un lato un’occasione per chi sta "fuori" di prendere consapevolezza di cosa può esserci “dentro" e allo stesso tempo per chi "dentro" ci deve stare un lavoro retribuito e di reale confronto con la clientela.

Tre grandi progetti che mirano a creare un ponte fra il dentro e il fuori, che offrono opportunità di lavoro e che per la realizzazione hanno visto collaborare insieme detenuti e agenti nel rispetto della funzione principale del carcere che è la riabilitazione dei detenuti.

Archivio notizie