Il 7 febbraio all’avvio Hackability: innovazione e design contro le disabilità

Il 7 febbraio alle 10 presso il fablab Torino FabLab in via Egeo 16 a Torino prende avvio Hackability: una gara non competitiva tra team composti da persone con disabilità, maker, inventori e designer per co-progettare e realizzare attraverso l’uso di hardware, software open source, stampanti 3D, macchine taglio laser, soluzioni, oggetti a basso costo e personalizzabili, che possano supportare le persone con disabilità nella vita quotidiana. Hackability è un progetto realizzato da Consorzio Kairos e Consorzio Mestieri in collaborazione con Fablab Torino. Con l'adesione di Cpd Consulta per le Persone in difficoltà Torino, CSP Innovazione dell'ICT, e Politecnico di Torino DAD. Realizzato con il contributo di Fondazione Crt.

hackability2 news

Utenti, progettisti e operatori lavoreranno insieme alla costruzione di soluzioni concrete, replicabili, personalizzabili e  fabbricabili digitalmente, per risolvere i problemi quotidiani delle persone che li usano. Gli oggetti e le soluzioni di maggior interesse saranno trasformate in prototipo entro il mese di aprile e i progetti saranno messi a disposizione di tutti in Creative Common (CC-by sa) sul sito di Hackability.  La prima parte della mattinata del 7 sarà dedicata a brevissimi interventi per permettere ad alcune persone con disabilita' di presentare idee/bisogni/progetti, e a maker, designer, "inventori" di presentare i propri progetti/competenze. Nella seconda parte della mattinata, Hackability si organizzerà per  piccoli gruppi di lavoro che potranno proseguire  fino alle 18 e poi in autonomia nella settimane successive fino all’appuntamento di verifica.  Questo primo evento sarà solo su invito, se si desidera partecipare è possibile compilando il form sul sito. Hackability vuole gettare un seme: un nuovo approccio alla costruzione e progettazione di ciò che ci circonda, che mette al centro quanto ognuno di noi sia diverso dall’altro quello che spesso è chiamato“Design for Each” o “Design for Everybody”. Si ringraziano Cp Torino, Handicap e Sviluppo Onlus, CNA Torino.

Archivio notizie